Incursione dei ladri in casa del fuoriclasse del Napoli Allan a Pozzuoli: i malviventi sono stati messi in fuga dalla moglie

Il centrocampista brasiliano del Napoli Allan (foto Kontrolab)
di Bianca Bianco

Hanno tentato di forzare la cassaforte dell’abitazione, poi, accortisi della presenza di qualcuno al primo piano si sono dati alla fuga. Tentato furto ieri sera nell’abitazione del centrocampista brasiliano in forza al Napoli Marques Allan. I fatti sono accaduti nella tarda serata di ieri presso l’appartamento di Pozzuoli in cui il calciatore azzurro vive con la moglie, che aspetta il loro terzogenito, ed i figli.

Stando a quanto ricostruito, intorno alla mezzanotte di venerdì la consorte di Allan ha sentito rumori provenire dal secondo piano. Una volta salita sopra, si è resa conto che ignoti erano riusciti a penetrare in casa forzando la finestra della camera dei figli e avevano cercato di forzare una cassaforte. I malintenzionati erano forse convinti che in casa non vi fosse nessuno, mentre mettevano in atto il loro piano però si sono resi conto della presenza della donna e sono scappati.

Raid senza bottino, dunque, ma che ha comunque messo in allarme Allan e famiglia che hanno denunciato il fatto alle forze dell’ordine. La Scientifica ha effettuato rilievi per evidenziare eventuali impronte ed altre tracce biologiche e risalire ai malviventi.

Leggi anche / Il ds del Napoli Cristiano Giuntoli vittima della tentata rapina del Rolex: malviventi in azione al semaforo

Un pericolo scampato che però riporta alla mente, visto il difficile periodo vissuto dalla società Napoli soprattutto nel rapporto coi suoi fuoriclasse, stagioni ‘particolari’ subite proprio dai suoi giocatori. Parliamo del 2014 quando i campioni di allora (Lavezzi, Hamsik, Cavani) finirono anche più volte nel mirino di rapinatori di rolex. Dietro quella escalation di rapine, dichiarò poi un pentito del clan Mazzarella, Salvatore Russomagno, ci sarebbero stati gli ultrà che avrebbero così inteso «punire» il calciatori che giocavano male, non partecipavano agli allenamenti  o parlavano male dei tifosi.

Non è dimostrato che sia questo il caso. Allan potrebbe semplicemente essere finito nel mirino di criminali comuni proprio in un periodo complicato nei suoi rapporti con la società azzurra e con la tifoseria che ha aspramente contestato nei giorni scorsi gli atleti.

Allan, che ha avuto un durissimo scambio prima con il presidente De laurentis e poi col figlio di questi Edoardo,  è infatti uno dei calciatori che la scorsa settimana ha rifiutato di continuare il ritiro a Castelvolturno imposto dalla dirigenza perché voleva stare vicino alla moglie incinta. La sua decisione di tornare a casa e interrompere il ritiro è stata poi seguita da altri azzurri, innescando uno dei casi sportivi più paradossali nella storia del calcio partenopeo.

Leggi anche:
– 
A Roma un altro locale distrutto dalle fiamme nel quartiere Centocelle, lo stesso de ‘La Pecora elettrica’ | Foto
– Imprenditori vittime di usura ed estorsione, arrestati il ras dell’Alleanza di Secondigliano Trambarulo e la compagna
– Forza un posto di blocco ma si schianta contro un’auto dei carabinieri: morto
– Alessandria, vigili del fuoco morti nell’esplosione: fermato il proprietario della cascina per disastro e omicidio
– Ex Ilva, Conte arriva a Taranto e i cittadini chiedono la chiusura dello stabilimento Sindacati: «Nessun alibi ad ArcelorMittal»
– Navigator campani, assunzione beffa Anpal: «La Regione Campania non dà l’ok» Vincitori del concorso ancora nel limbo
– Antonveneta, condannati a oltre 7 anni gli ex vertici di Monte dei Paschi di Siena
Sfuggì al blitz di giugno contro i Contini, latitante arrestato a Castelvolturno. Un fermato per favoreggiamento
I soldi sporchi della ‘ndrangheta in una catena di ristoranti del Nord Italia: 9 arresti, sequestrate quote della società
Truffe agli anziani in tutta Italia, i carabinieri arrestano 50 persone: dietro l’organizzazione c’era il clan Contini

sabato, 9 novembre 2019 - 11:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA