Intascava la pensione della madre morta e il reddito di cittadinanza: denunciata

Guardia di finanza
La guardia di finanza (foto Kontrolab)

Percepisce la pensione della madre morta nel 2013 e, non contenta, chiede e ottiene il reddito di cittadinanza. E’ quanto scoperto dai finanzieri del comando provinciale di Salerno. I militari, su disposizione della Procura della Repubblica di Vallo della Lucania, hanno eseguito, perciò, un decreto di sequestro preventivo di beni fino alla concorrenza di 67mila euro nei confronti di una 56enne di Agropoli (Salerno).

La donna, in seguito alle indagini, è stata denunciata per il reato di indebita percezione di erogazioni in danno dello Stato, poiché, pur non avendone diritto, ha continuato a intascare la pensione della mamma deceduta nel 2013. In particolare le Fiamme Gialle hanno accertato che la donna, approfittando del fatto che nessun funzionario della locale Anagrafe Civile avesse mai effettuato la prevista comunicazione di avvenuto decesso agli uffici dell’Inps, ha continuato a riscuotere le rate della pensione da circa 1200 euro netti, accreditate mensilmente su di un conto corrente postale cointestato con la madre defunta, per un ammontare complessivo di 67mila euro fino al mese di marzo 2018.

Come se non bastasse, i militari hanno accertato che la donna aveva fatto domanda per il reddito di cittadinanza, ottenendo così un sussidio di circa 260 euro al mese, venendo denunciata nuovamente alla Procura di Vallo della Lucania. Nel corso dell’operazione sono finiti sotto sequestro un immobile, un autoveicolo e le somme di denaro rinvenute sui conti correnti. Contestualmente è stata attivata la locale sede dell’Inps affinché provveda alla sospensione del sussidio.

Leggi anche:
– Truffe online, tre indagati a Napoli: sequestrati 153mila euro in contanti e orologi, blitz nel rione Sanità
– Iva sugli assorbenti, il Pd ci riprova: emendamento per abbassare la tassa al 10%
– Rapina a Roma, il malvivente ucciso dal colpo partito dalla pistola del complice. Il gip lascia l’indagato in prigione
– Militari italiani feriti in Iraq, l’Isis rivendica l’attacco. E le forze militari rispondono con una vasta operazione
– Riace, il sindaco appoggiato dalla Lega dichiarato ineleggibile: bufera su Trifoli, ora sarà battaglia legale
– Affidi illeciti, Bonafede manda gli ispettori al Tribunale per i Minorenni di Bologna: «Verifiche su eventuali anomalie»
– Muore a 3 anni dopo essere stata dimessa dall’ospedale, la verità dall’autopsia
– Trattativa Stato-Mafia, Berlusconi scarica Dell’Utri: non risponde alle domande della difesa dell’ex senatore di Fi
– Morti per amianto negli stabilimenti Pirelli, una condanna e sette assoluzioni
– Nomine nella Dna, il plenum del Csm si riunisce dopo la proposta a sorpresa che ha bloccato il pm Maresca

lunedì, 11 novembre 2019 - 20:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA