Report ammorbiditi sui viadotti, il Riesame: misura interdittiva per undici ex dirigenti e tecnici di Spea

ponte Morandi
Il ponte Morandi crollato a Genova la mattina del 14 agosto 2018

Report falsi sullo stato di salute dei viadotti, il Tribunale del Riesame di Genova accoglie il ricorso presentato dalla procura e dispone l’interdizione dalla professione di 11 tra ex dirigenti e tecnici di Spea, la società che si occupava di manutenzione e monitoraggio per Autostrade. Secondo l’accusa, i tecnici non avrebbero eseguito le ispezioni nei cassoni (i tunnel sotto il manto stradale) di fatto dando una valutazione della salute dei viadotti senza avere valutato un elemento importante.

La decisione, tuttavia, non è immediatamente esecutiva. I legali degli indagati hanno già annunciato ricorso per Cassazione: solo se gli ermellini confermeranno la valutazione dei giudici della Libertà, il provvedimento sarà eseguito.

Nei confronti dei tecnici il pubblico ministero Walter Cotugno aveva chiesto due volte arresti e interdizioni ma il gip Angela Nutini aveva respinto. Poi l’ultimo ricorso presentato solo chiedendo la misura interdittiva che è stata accolto.

Leggi anche / Report ammorbiditi sui viadotti, quel cavo rotto sul ponte Pecetti: per i pm il ‘danno’ fu coperto per fare transitare un tir

L’inchiesta sui report falsificati e ammorbiditi è un rivolo dell’inchiesta sul crollo del Ponte Morandi a Genova, che il 14 agosto del 2018 ha provocato 43 morti. Lo scorso 13 settembre, per effetto di questa nuova indagine, tre persone sono state sottoposte ai domiciliari e sei sono state colpite da misure interdittive. I destinatari dei provvedimenti sono funzionari di Autostrade e della controllata Spea, società che si occupa di monitoraggio e controlli della rete autostradale. I report ritenuti ‘alterati’ riguardano i viadotti Pecetti della A26 (la Genova-Gravellona Toce), in Liguria, e il Paolillo della A16 (la Napoli-Canosa), in Puglia.

Leggi anche:
– 
Ucciso per errore nella faida di Scampia, confermato l’ergastolo al boss Di Lauro: Romanò vittima di uno scambio di persona
– Danni all’automobile della moglie di Zielinski, nuovo raid criminale contro un calciatore del Napoli dopo il caso Allan
Mara Carfagna è pronta a dire addio a Silvio Berlusconi, con lei trenta parlamentari ‘malpancisti’ di Forza Italia
La Procura di Roma apre un fascicolo sull’attentato al convoglio italiano in Iraq: l’esplosione ha causato 5 feriti 
Rimpasto, Luigi De Magistris sacrifica l’assessore alla Cultura Nino Daniele e strizza l’occhio al grillino Roberto Fico
Fabbricava bombe in casa, arrestato il 23enne di Arzano che a luglio provocò il crollo di una palazzina in via Atellana 
– La crisi senza fine dei Cinque Stelle, Carbonari (Umbria) lascia: «Il Movimento va a braccetto con un sistema marcio»
– Ilva, Conte nella città spaccata in due: faccia a faccia con i cittadini e tute blu. Nuovo incontro coi vertici di ArcelorMittal
– Parcheggia sotto casa e viene rapinato, banditi via con il Rolex da seimila euro
Inchiesta sulle truffe agli anziani, il vedemecum del perfetto truffatore: «Metti la cintura, così non sembri napoletano». Così i truffatori insegnavano ai nuovi adepti “l’arte dell’imbroglio”
– Incursione dei ladri in casa del fuoriclasse del Napoli Allan a Pozzuoli: i malviventi sono stati messi in fuga dalla moglie

lunedì, 11 Novembre 2019 - 13:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA